Il tradimento: perchè avviene

Il tradimento è un’eventualità che si deve mettere in conto nella vita di coppia. Anche i più agguerriti sostenitori della fedeltà non dovrebbero mai dire “io non tradirò mai e poi mai” perchè lui, il tradimento, è dietro l’angolo e non avvisa. Non si tratta di un mero cedimento alle tentazioni o, almeno, non sempre. Talvolta rappresenta una fase importantissima della vita, altre volte riesce a mettere chiarezza nella persona, altre ancora è il punto di svolta, nel bene e nel male. I tradimenti non sono tutti uguali e generalizzare è del tutto sbagliato. Si deve invece capire cosa porta a tradire, perchè , se spesso il tradimento è inevitabile, in alcuni casi è possibile cercare di prevenirlo. Perlomeno si avrà la consapevolezza di aver fatto il possibile per salvaguardare la vita di coppia.

I diversi tipi di tradimento

I tradimenti non sono tutti uguali: può trattarsi di una scappatella occasionale di breve durata, magari di una relazione estiva, oppure la relazione extraconiugale può essere una storia lunga ed intensa. In ogni caso avviene perchè nella vita di coppia qualcosa non funziona come dovrebbe. I casi a parte che rappresentano le eccezioni sono quelli che riguardano i traditori seriali.

Chi sono i traditori seriali

I traditori seriali presentano caratteristiche molto comuni tra loro: sono generalmente persone molto insicure che si accontentano di una manciata di attenzioni in più da qualcuno per fare diventare questa persona attraente ai loro occhi.

Hanno bisogno continuo di gratificazioni esterne in quanto stentano a trovare la soddisfazione dentro di loro.

Si pongono in modo accattivante e sensuale,  scatenando nell’altro l’idea che si stia instaurando un gioco di seduzione.

In pratica mettono in atto seriamente la dinamica del flirt che sovente sfocia in un tradimento.

Cosa spinge a tradire

La parentesi dei traditori seriali era d’obbligo per escluderli dalle categorie di tradimenti di cui ci stiamo occupando. Cosa spinge a tradire il partner? Le motivazioni sono tante e diverse. Vediamole

Man mano che una relazione procede si modifica: è del tutto normale. Le emozioni che si vivono i primi anni, forti e intense sono sostituite da una sorta di routine spesso difficile da gestire. Il tempo porta con sé cambiamenti caratteriali, nei rapporti, nelle esigenze di ognuno dei partner, che non sempre sono accolte positivamente. Talvolta i componenti di una coppia si appassionano ad interessi diversi ed i punti in comune iniziano a calare. Questo talvolta provoca delle crisi nella coppia: non c’è più quell’intesa e quella complicità che legava. Il rischio tradimento insorge nel momento in cui si incontra una persona con la quale si rivive la stessa intesa.

Ognuno di noi ha dei bisogni affettivi che vanno dal bisogno di vicinanza, a quello di sicurezza, alla certezza di avere al nostro fianco una persona che ci ama, ci apprezza e ci sostiene. Nel momento in cui questi bisogni vengono meno ne sentiamo, consapevolmente o inconsapevolmente, la mancanza. Se nel nostro percorso incontriamo qualcuno che ci dàciòche ci manca, ne ne siamo attratti, è facile cadere nella rete del tradimento.

E’ per questo che il tradimento arriva quasi sempre quando una coppia entra in crisi. E lì si entra in una dinamica difficile da superare: uno dei due partner percepisce la frustrazione che deriva dalla non soddisfazione dell’altro. Amore, rispetto, passione sono sostituiti da insoddisfazione, tristezza, ansia. In questa ottica si può affermare che chi tradisce appaga un suo bisogno personale. Riassumiamo cosa porta a tradire: bisogno di sentirsi desiderati, valorizzati, apprezzati, amati.

Anche la noia rappresenta un motivo di tradimento. La necessità di provare forti emozioni è una delle cause di tradimento. Si tradisce per sentirsi vivi, per vivere una botta di vita. Generalmente chi tradisce per questo motivo non accetta, o lo fa malvolentieri, il normale modificarsi delle emozioni nel corso di una storia d’amore.

Ma può accadere anche che ci si innamora in modo del tutto inaspettataro di un’altra persona. Questi tradimenti sono forse quelli che si possono gestire meno. Si tratta di amore ed è difficile resistere.

Pare assurdo dirlo, ma alcuni tradiscono per risolvere la crisi di coppia. Si sentono frustrati ed evitano il conflitto tradento il partner. Cercano la soluzione fuori dalla vita di coppia e mantengono la facciata a casa.

Si tratta di una dinamica che spesso è volta ad evitare una sofferenza al partner.

La domanda sorge spontanea: se non sei felice perché ti lasci ?

La convenienza nel restare nella relazione coniugale infelice è spesso la motivazione principale che porta a non lasciarsi. Il partner fisso è spesso visto come una presenza fissa, come un punto fermo. Viene vissuto come un famigliare che sostiene nelle difficoltà. Il timore comune a molte coppie è quello di infliggere dolore ai figli. Ci sono casi in cui semplicemente desiderano salvare “le apparenze”. Ma anche la paura di fare la scelta sbagliata porta a non lasciare il partner.

Il segreto per non tradire

Bella domanda. Mantenere la complicità, parlare, anche litigare, mantenere accesa la passione sono tutti validi elementi preventivi. Ma spesso non bastano. E’ fondamentale ricordarsi che stare assieme è una scelta .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.